BUONA, PULITA, SICURA:  È L’ ACQUA DI ALFA

Se ne è parlato ieri durante la seconda edizione del convegno annuale LA VERITA’ VIENE A GALLA, organizzato da Alfa, il Gestore del Servizio Idrico Integrato della Provincia di Varese, a Volandia. Al centro dell’attenzione, la contaminazione da PFAS. Qui, la registrazione completa dell'evento
Paolo Bernini

Paolo Bernini

In provincia di Varese, l’acqua è buona, pulita e sicura anche per quanto concerne la presenza dei PFAS, composti chimici inquinanti utilizzati in molteplici processi industriali. Le analisi dimostrano infatti che il loro livello è di gran lunga al di sotto della soglia d’allarme – consigliata, perché ancora non esiste una normativa europea o nazionale, che entrerà in vigore nel 2026.

È quanto emerso nel corso della seconda edizione di “La verità viene a galla”, convegno organizzato dal gestore idrico provinciale Alfa che ogni vuole affrontare argomenti, spesso “spinosi”, come in questo caso, legati al “bene acqua”.

L’edizione 2024 si è svolta sabato 24 a Volandia, sede del prestigioso Museo del volo, e ha visto una grande partecipazione di pubblico.

L’evento si è aperto con le domande del direttore della testata “Alfa Notizie” Debora Banfi rivolte alla giornalista Laura Fazzini, che di PFAS si è interessata più volte con inchieste che hanno riguardato in particolare il Veneto dove si sono verificate situazioni critiche.

La Direttrice Ricerca e Sviluppo di Alfa, Desdemona Oliva, ha poi illustrato i risultati delle analisi condotte sull’acqua erogata in provincia di Varese, evidenziando, come accennato, che fortunatamente non esistono criticità. Tutto bene dunque? No, perché, dato il grande utilizzo di PFAS nelle attività umane quotidiane – dalle pentole antiaderenti agli abiti, per fare alcuni esempi – il pericolo potenziale esiste. Proprio per questo si stanno ricercando e in parte già sono in funzione, impianti e sistemi di rimozione di queste sostanze sia dalle fonti d’approvvigionamento idrico che dalle acque reflue trattate nei depuratori.

Sul palco, oltre al presidente di Alfa Paolo Mazzucchelli e al direttore generale Michele Falcone, sono poi saliti anche il nutrizionista Stefano Cattorini e il biologo Paolo Broglio, per spiegare gli effetti che i PFAS hanno sulla salute, con specifico riferimento all’assunzione attraverso gli alimenti, e Aurora Magni, docente della Liuc di Castellanza ed esperta della materia.

Partner dell’evento, l’associazione Maria Flos Casrmeli di Gallarate, volta a sostenere le cure della piccola Selene

Sotto, la registrazione dell’intero evento.

Alfa Notizie Magazine
Leggi l'ultimo numero
Potrebbero interessarti anche questi articoli
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4) con trasmissione di dati anonimi tramite proxy. Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy

Tanti auguri di

Buona Pasqua

Vuoi sapere che tempo farà?

COFFEE BREAK.

Riprenderemo alle 17.30