CAMBIAMENTO CLIMATICO: IL CALDO INGANNA LE API (A RISCHIO ESTINZIONE)

Le temperature elevate fanno credere a questi piccoli e preziosi insetti che la primavera sia arrivata prima del tempo, ma basta un parziale ritorno del freddo per mettere in pericolo la loro vita
Debora Banfi

Debora Banfi

La minore durata della stagione invernale, con temperature medie sempre più alte e con picchi decisamente anomali, ha innescato un probabile allungarsi della finestra di attività delle api, ipotizzabile in 20-30 giorni di lavoro in più l’anno.

Secondo i ricercatori, dunque, l’inverno più corto e più caldo determinerebbe uno stress aggiuntivo per le api e comprometterebbe la loro salute.

Il cambiamento climatico contribuisce così al fenomeno della moria di questi insetti in modo determinante (secondo solo agli effetti letali dei pesticidi).

IL VALORE DELL’ACQUA

Non trascurabile anche il tema idratazione. L’acqua riveste più funzioni per l’ape: sostiene le sue attività vitali, funge da diluente per la produzione della pappa larvale, rientra nella regolazione termica dell’alveare.

Dunque, la siccità (fenomeno con il quale abbiamo imparato a fare i conti negli ultimi anni) è un altro fattore che mina pesantemente la loro vita.   

I NUMERI PARLANO CHIARO

Dati alla mano, si può parlare di emergenza. Secondo i dati forniti da dagli apicoltori italiani dell’Unaapi, la produzione di miele negli ultimi 5 anni è calata del 80%. 

Tra le cause principali, proprio la siccità: i fiori non secernono più nettare e polline e le api, in sofferenza per il clima anomalo, non solo non producono miele, ma rischiano di non riuscire a fornire il loro determinante servizio di impollinazione alle colture agricole.

E’ necessario salvare questi insetti per proteggere la biodiversità”, commenta ai nostri microfoni il Colonnello Mario Giuliacci.

Immagine :Freepik

Alfa Notizie Magazine
Leggi l'ultimo numero
Potrebbero interessarti anche questi articoli
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4) con trasmissione di dati anonimi tramite proxy. Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy

Tanti auguri di

Buona Pasqua

Vuoi sapere che tempo farà?

COFFEE BREAK.

Riprenderemo alle 17.30